Lorem ipsum dolor amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor massa. Cum sociis natoque penatibus et magnis dis parturient montes, nascetur ridiculus mus.

Baker

Follow Us:
  • No products in the cart.

Blog

Il Carnevale tra storia e dolci

Il carnevale ha origini molto antiche. Con molta probabilità deriva dalle antiche festività greche e romane, rispettivamente le Dionisiache e le Saturnali. Da un punto di vista storico e religioso, il carnevale rappresentò un periodo di festa e di rinnovamento simbolico, nel quale vi era un momentaneo rovesciamento dell’ordine costituito. Festa, caos e scherzo si sostituivano alle gerarchie e all’ordine.

Il termine Carnevale deriva dal latino Carnem levare (eliminare la carne) e indicava il banchetto che si teneva l’ultimo giorno del carnevale prima dell’inizio del periodo di quaresima, che si inaugura con il Mercoledì delle Ceneri.

E’ una festa molto colorata da sempre e ricca di buon cibo, in particolare di dolci. Tra i dolci più antichi si annoverano le Chiacchiere di Carnevale. Nell’antica Roma, durante le feste Saturnali, si mangiavano dei dolci molto simili, ma all’epoca chiamati Frictilia, ovvero dolci fritti nel grasso di maiale ed erano distribuiti alla folla nelle strade, mentre veniva celebrata la festa. Non molto differenti dalle nostre attuali Chiacchiere, ma certamente più leggere perché non più cotte nel grasso animale, ma semplicemente fritte nell’olio o anche cotte al forno.

Questi dolci sono conosciuti e apprezzati in tutta Italia anche se gli si attribuiscono nomi differenti. Noi a Palermo le chiamiamo Chiacchiere, sono semplici e dal delizioso e inconfondibile gusto! Possono presentarsi con decorazioni e arricchite dai più svariati condimenti, ma nella loro forma più tradizionale, sono semplicemente fritte e con una ricca spolverata di zucchero a velo sopra e qualche volta con l’aggiunta di cannella.

Un altro dolce tipico del Carnevale è la Sfincia/Spincia di Carnevale o di San Giuseppe. Questo è un dolce, insieme a tanti altri, che è buono sempre e probabilmente per questo motivo lo vediamo protagonista di ben due feste siciliane. Il nome deriva dal latino “spongia”, o dall’arabo “isfanǧ”, ovvero “spugna”, proprio per la sua natura soffice e spugnosa. Si tratta di piccole/medie palline morbide di pasta lievitata, fritte in olio bollente e poi immerse in zucchero e cannella, deliziose!

I dolci sono tanti, ma qui annoveriamo solo un altro dolce tipico del Carnevale che è la Pignoccata. Anche questo dolce ha svariati appellativi in giro per l’Italia. Tutti i nomi però riconducono al suo aspetto e alla sua presentazione che appare come un raggruppamento di piccole pigne, ricche di miele e decorate con una spolverata di zuccherini colorati.

Le storie e i dolci sono tanti e il gusto è sempre inevitabilmente sublime!

SCRIVI UN COMMENTO