Lorem ipsum dolor amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor massa. Cum sociis natoque penatibus et magnis dis parturient montes, nascetur ridiculus mus.

Baker

Follow Us:

Blog

Le uova di Pasqua

Le uova di cioccolato si sono trasformate col tempo nel simbolo della Pasqua. Ma l’uovo ha in se un grande potere simbolico, da ricercare nella storia e nel passato. Il simbolo dell’uovo è molto legato al significato della vita e alla sacralità della terra stessa.

Le popolazioni antiche consideravano l’uovo come l’unione tra la terra e il cielo, il fondersi di questi due elementi per dare origine ad un’unica creazione. Non a caso gli antichi Egizi ritenevano che, simbolicamente, l’uovo rappresentasse la fusione dei quattro elementi: fuoco, aria, terra e acqua. Al tempo stesso l’uovo è ritenuto nel passato simbolo di rinascita e di fertilità, associato al sopraggiungere della primavera che è la stagione della rinascita e della fioritura per eccellenza. Per questo motivo, gli antichi romani erano soliti sotterrare un uovo sotto i campi coltivati per propiziare la nascita e la fertilità.

È chiaro che l’uovo di cioccolato è diventato un dolce tipico della Pasqua, solo in epoca recente, mentre l’uso di scambiarsi uova vere, decorate e colorate in qualsiasi modo, è sicuramente molto antico e sempre legato alla festa Pasquale, sin dal Medioevo. In questa epoca era di uso comune regalare le uova alla servitù e probabilmente accadde per la prima volta in Germania. Con il Cristianesimo l’uovo divenne il simbolo della rinascita dell’uomo in Cristo.

Le decorazioni delle uova erano davvero svariate e in origine era di uso comune far bollire le uova in acqua, avvolte con foglie e fiori. Il risultato era davvero incantevole e si creavano in modo semplice dei delicati disegni sull’uovo.

Sempre nel Medioevo si diffuse la tendenza a creare uova artificiali, rivestite di materiali preziosi, come argento e oro. A tal proposito è doveroso riportare alla memoria il famosissimo uovo di Fabergè, che porta il nome dell’orafo a cui lo Zar nel 1883, affidò la produzione di un uovo di platino, smaltato di bianco, con all’interno un ulteriore uovo in oro, per la sua Zarina Maria. Si presume che tale fu la fama di questo uovo, che si diffuse la tradizione della sorpresa all’interno dell’uovo di cioccolato.

Oggi il tipo di uovo che noi tutti adoriamo e che rappresenta in assoluto un aspetto ormai tipico delle nostre usanze Pasquali, è di cioccolato. Oltre a quelle più comunemente diffuse e prodotte industrialmente dalle più note ditte dolciarie, le più buone, genuine, sfarzose, variegati e anche con doni particolari all’interno, se richiesto, sono le uova di cioccolato artigianali, prodotte nelle nostre amate pasticcerie. Al cioccolato al latte, fondente, bianco, con nocciole, mandorle, noci e pistacchi, le migliori, inconfondibilmente buone e belle, spesso delle opere d’arte tanto nel gusto, quanto nell’aspetto e a volte anche strabilianti nel formato inaspettatamente extralarge.

SCRIVI UN COMMENTO